Le dive dei cartoni animati che hanno fatto la storia

Quando si parla di star del cinema, generalmente si pensa a dive in carne e ossa, persone vere che con la loro bellezza e il loro savoir-faire sono state in grado di bucare lo schermo e arrivare nel cuore e nell’animo di tutti. Ma nell’immaginario collettivo esiste un’altra categoria di star che sono riuscite a sfondare e che ancora oggi tutti ricordano: stiamo parlando di alcune protagoniste dei cartoni animati.

 

 

Jessica Rabbit

 

 

jessica-rabbit

 

Personaggio creato da Gary Wolf, è uno dei protagonisti del film di animazione “Chi ha incastrato Roger Rabbit” dove uomini e cartoni animati recitano nello stesso film, creando una storia piena di effetti, fantasia e magia. Jessica è una donna molto attraente, alta, snella. Simbolo della seduzione. Veste un abito rosso sexy e scollato, scarpe col tacco e guanti viola. Ha labbra carnose sottolineate da un rossetto rosso, grandi occhi verdi e capelli ondulati. Lo stereotipo della femme fatale. La sua frase più celebre: “Non sono cattiva, è che mi disegnano così”

 

 

 

 

Betty Boop

betty-boop

 

Nata negli anni ’30 per mano dei fratelli Fleisher, Betty Boop è la tipica ragazza alla moda del periodo, irriverente. Veste un abito corto, capelli tipici dell’epoca e grandi orecchini a cerchio. Una figura sovversiva, maliziosa, conscia del suo forte sex appeal. Una vera e propria sex symbol, adolescente ribelle che si scontra col vecchio mondo dei suoi genitori. Ma, un personaggio così, negli anni ’30, non poteva durare a lungo. L’ideologia conservatrice del tempo mise a tacere questa figura di fantasia che scomparve dagli schermi nel 1939. Nonostante questo Betty Boop rimane un personaggio amato e conosciuto ancora ai giorni nostri.

 

 

 

Occhi di gatto

occhi-di-gatto

 

 Serie televisiva giapponese, trasmessa negli anni ’80, che prende spunto dall’omonimo manga. Protagoniste tre sorelle Sheila, Kelly e Tati, che si dedicano ai furti di grandi opere d’arte. Non opere casuali, ma obiettivi mirati. Riguarda infatti la collezione del loro padre scomparso, rapito dai nazisti. La ricerca di indizi all’interno delle opere e la ricostruzione della sua collezione rappresentano il fulcro principale del cartone animato. Ricco di emozioni, travolgente e animato da tre donne belle e determinate.

 

 

 

 

Lamù

lamù

 

Manga giapponese dal quale sono nati una serie televisiva, dei film e cartoni animati. Vengono raccontate le vicende di un gruppo di liceali che entrano in contatto con gli Oni, creature mitologiche giapponesi, il cui scopo è quello di conquistare la Terra. Questi offrono ai terrestri una possibilità: se uno di loro riesce a toccare le corna di Lamù, la bellissima figlia del capo, lasceranno in pace la Terra. Il candidato è Ataru, fidanzato di Shinobu. Da qui nascono una serie di vicissitudini. Lamù è la ragazza aliena. Capelli lunghi verdi, corna, veste con un bikini tigrato e un paio di stivali.